In Uscita /

Flash Art Italia no. 341 Ottobre-Novembre 2018

Siamo lieti di comunicare l’uscita del numero di Ottobre – Novembre 2018 dell’edizione italiana di Flash Art.

In questo numero:
Danilo Correale ripercorre la genesi del film Diranno che li ho uccisi io (2018)
intervista di Gianluca Pulsoni

La trascendenza di forme, i ritratti fotografici, le trame tessute di Enrico David
di Jonathan Miles, Milovan Farronato, Rita Selvaggio

“Nelle sculture di Enrico David sono sempre ravvisabili i corpi, gli oggetti e le teste che le compongono, ma in esse, al contempo, vi traspare il carattere liminale che scaturisce da una tale composizione. Allungate, fatte a pezzi, abbandonate, schiacciate, messe in alto, fatte sporgere, sparpagliate, incorporate o irrigidite, questa serie di liminalità si sviluppano in maniera inevitabile”.
– Jonathan Miles

“Lo studio londinese di Enrico David, negli ultimi mesi, è osservato da alcune specifiche fotografie disperse nell’ambiente. Una recente ossessione, o affezione? Credo si tratti in realtà d’intolleranza; una generica irritazione cutanea che affligge non solo l’epidermide, ma anche la mente. Sono ritratti dementi o demenziali, catturati il più delle volte da uno scatto al televisore, o uno screenshot allo stesso schermo dell’iPad, per cui la rifrazione tra gli schermi gioca un ruolo inaspettato e produce bagliori, fuochi fatui, apparizioni”.
– Milovan Farronato

“L’ago e il filo per David sono una forma di sopravvivenza ma anche di terapia. Tutte le volte che l’ago entra nella tela si ha l’impressione di riannodarsi a qualcosa, e il ricamo in quel momento diviene la forma di un linguaggio del ritorno, del radicamento, ma anche un linguaggio di famiglia. Figlio di una modellista che si dilettava a fare la sarta per hobby, fratello di una restauratrice tessile, l’idea del cucito nasce da una sorta d’isteria, irrazionale e imprevedibile”.
– Rita Selvaggio

Matilde Cassani presenta la sua visione di città contemporanea
intervista di Claudio Piscopo

Gaetano Cunsolo
di Théo-Mario Coppola

Minimalismo nell’opera di Rasheed Araeen
di Luca Cerizza

Antonio Della Guardia
di Antonello Tolve

Gli amanti del Volcano: Enrico Prampolini, Giovanni Anselmo, Salvatore Arancio
di Flavia Frigeri

In “News”:
Luigi Fassi sulla direzione del MAN, Nuoro; M9, Mestre; Antonio Dalle Nogare su Fondazione Antonio Dalle Nogare, Bolzano; Gaia Di Lorenzo su CASTRO, Roma; Legale dell’arte.

Letture: Lo spettatore emancipato di Jacques Rancière (DeriveApprodi, Roma 2018); Incompiuto: La nascita di uno Stile di Alterazioni Video (Humboldt Books, Milano 2018)

In memoria: Antonio Dias (1944 – 2018)
di Giancarlo Politi

In “Recensioni”:
Amnistia all’Accademia di Brera, Milano; Agostino Bonalumi a Palazzo Reale, Milano; Alessandro Carano da Castiglioni, Milano; Jannis Kounellis da C+N Canepaneri, Milano; Carla Accardi da Francesca Minini e Massimo Minini, Milano e Brescia; John Armleder al Museion e al MADRE, Bolzano e Napoli; Yorgos Sapountzis a Kunst Merano; Adriana Varejão da Victoria Miro, Venezia; Fabrizio Prevedello al Centro Pecci, Prato; Lee Kit a Casa Masaccio, San Giovanni Valdarno (AR); Emilio Isgrò a Casa Museo Osvaldo Licini, Monte Vidon Corrado (FM); Nico Vascellari al MAXXI, Roma; Margherita Moscardini alla Fondazione Pastificio Cerere, Roma; Maria Thereza Alves da Alfonso Artiaco, Napoli; La città provvisoria da Spazio Murat, Bari; Giovanni Iudice a Fondazione Brodbeck, Catania; Island da Montecristo Project, Sardegna.

Siamo lieti di annunciare la partecipazione di Flash Art alle edizioni 2018 ArtVerona; Fiac, Parigi; Artissima, Torino; Independent Brussels.

leggi di più
In Uscita /

Flash Art Italia no. 338 Aprile 2018 / Arte e fumetto in Italia

Siamo lieti di comunicare l’uscita del numero di aprile 2018 dell’edizione italiana di Flash Art.

Questo numero presenta un approfondimento tematico sul fumetto italiano e sul dialogo che la “letteratura disegnata” intrattiene con l’arte contemporanea. Articolato in saggi che indagano figure oblique, laterali o meno tratteggiate dalla critica nella storia del fumetto italiano, e in interviste con i protagonisti dell’oggi, il numero include anche veri e propri comics realizzati da artisti italiani la cui pratica attinge dall’immaginario del fumetto.

Con questo numero, inoltre, Flash Art introduce una nuova veste grafica progettata dallo studio danese Wrong. Il nuovo logo, snello e slanciato, è una reinterpretazione dell’iconico carattere senza grazie che ha contraddistinto la testata negli anni Settanta; mentre le pagine della rivista preservano l’accurata organizzazione dei contenuti che già segnava il progetto grafico precedente, introducendo un approccio meno ortodosso alle immagini, più dinamiche e libere nelle associazioni.

In “News”:
Il legale dell’arte di Andrea Pizzi
In memoria: Getulio Alviani (1939 – 2018) di Giancarlo Politi

“Arte e fumetto in Italia”:

Ritmo e intermedialità in Poema a Fumetti di Dino Buzzati
di Eloisa Morra

Orrore (e spessore) nei mondi fantastici di Spugna
di Vanni Santoni

“Il vaso”
Disegni di Dario Guccio. Testi di Stefano Coizzi

Gianni De Luca e il conflitto con la vignetta
di Alberto Sebastiani

Paolo Bacilieri, storia di un terrestre che fa storie a fumetti
di Giulia Cavaliere

Marcello Jori in conversazione con Elena Re

“‘O pavone”
Disegni di Marco Pio Mucci. Testi di Marco Pio Mucci e Matteo Pomati

Dentro il mondo di Gipi
di Giacomo Giuntoli

Improvvisazione e rigore nel fumetto di Benito Jacovitti
di Damiano Pergolis

“L’unica cosa che mi salva è essere Lorenzo Mattotti”
di Raffaele Alberto Ventura

“Bomba”
Disegni e testi di Giulio Scalisi

Le rivolte mancate di Guido Buzzelli
di Matteo Stefanelli

Teoria e pratica di Ratigher
di Marco Andreoletti

Il fumetto di Dino Battaglia
di Andrea Tosti

In “Recensioni”:

Carlo Gabriele Tribbioli da Federica Schiavo, Milano; Cinzia Ruggeri da Federico Vavassori, Milano; Simon Linke da Thomas Brambilla, Bergamo; Carlo Mollino a Camera, Torino; Ad Reinhardt alla Fondazione Modena Arti Visive; Erin Shirreff a Palazzo De’ Toschi, Bologna; Loris Cecchini da Continua, San Gimignano; Vettor Pisani al Museo Bilotti, Roma; Cristian Chironi al Museo Nivola, Orani (NU).

leggi di più
In Uscita /

Flash Art Italia no. 337 febbraio – marzo 2018

Siamo lieti di comunicare che il numero di febbraio – marzo 2018 di Flash Art Italia è in uscita presso edicole e librerie selezionate di tutta Italia.

In questo numero:

News
Pepi Marchetti Franchi sui dieci anni di Gagosian, Roma; Benedetta Spalletti e Ludovica Busiri Vici su Vistamarestudio, Milano; vent’anni di BASE, Firenze; Moshe Tabibnia su Building, Milano; e “New Generation Residencies”: Bikini Art Residency, Cernobbio (CO); Cripta 747, Torino; Palazzo Monti, Brescia; Residency 80121, Napoli; e Senseless Residency, Milano.

In memoria

Enrico Castellani
Testo di Luciano Marucci

Laura Grisi
Testo di Daniela Lancioni

In primo piano
Luca Guadagnino

Testo di Alessandro Giammei

“Nelle lente immagini soleggiate di Chiamami col tuo nome non c’è un’oncia di dramma sociale. Il rischio della noia – un lusso che Guadagnino non si era mai concesso –, della leggerezza solo romanticamente incrinata dal pianto, commuove a vederlo prendere posto nel canone sempre meno tragico dell’arte queer.”
— Alessandro Giammei

Gilberto Zorio
Testo di Lara Conte

Tomaso Binga
Intervista di Cristiana Perrella

“Il mio nome maschile gioca sull’ironia e lo spiazzamento: vuole mettere allo scoperto il privilegio maschile che impera anche nel campo dell’arte. È una contestazione, per via di paradosso, di una sovrastruttura che abbiamo ereditato e che come donne vogliamo distruggere.”
— Tomaso Binga

Renato Leotta
Testo di Salvatore Lacagnina

Inside

Luca Pozzi
The Grandfather Platform (753 a.C. – 2018 d.C.)
Intervista di Zoe De Luca

Stefano Graziani
Questioning Pictures (2017)
Intervista di Manuel Orazi e Francesco Zanot

“Mi interessa molto pensare che il documento si possa allontanare dalla descrizione, pur rimanendone molto vicino, fino al punto in cui può prescindere completamente dal contenuto e trasformarsi in figura.”

— Stefano Graziani

Intorno
L’immagine della migrazione
Valeria G. Castelli in conversazione con Nicolò Degiorgis, Giovanna Faleschini Lerner e Alessandro Triulzi

Brand New
Marco Giordano

Testo di Stefano Collicelli Cagol

Recensioni

Bruno Botella, Fondazione Pomodoro, Milano; Oren Pinhassi, Ribot, Milano; Riccardo Previdi, Francesca Minini, Milano; Luca Monterastelli, Lia Rumma, Milano; Uriel Orlow, PAV, Torino; Francesco Lo Savio, MART, Rovereto; Giuseppe Gallo, Galleria dello Scudo, Verona; Stefania Galegati, Pinksummer, Genova; “Seeing Whales”, Mazzoli, Modena; Giuseppe Chiari, luoghi vari, Firenze e Prato; Jozef Robakowski, Centro Pecci, Prato; Matteo Nasini, Operativa, Roma; Karl Holmqvist, Sant’Andrea De Scaphis, Roma; “Moto ondoso stabile”, Z2O Sara Zanin, Roma; “Home Beirut”, MAXXI, Roma; Joana Escoval, Acappella, Napoli; Delia Gonzalez, Fonti, Napoli; Michele Ciacciofera, MAN, Nuoro.

Siamo lieti di annunciare la presenza di Flash Art alle edizioni 2018 di Artefiera, Bologna; artgeneve, Ginevra; e Art | Basel | Hong Kong.

leggi di più
In Uscita /

Flash Art Italia no. 336 Dicembre 2017 – Gennaio 2018

Siamo lieti di comunicare che il numero di dicembre 2017 – gennaio 2018 di Flash Art è in uscita presso edicole e librerie selezionate di tutta Italia.

News

Beatrice Bulgari su In Between Art Film; i nuovi direttori: Carlo Antonelli, Lorenzo Balbi, Diana Baldon, Lorenzo Giusti; monografie e cataloghi ragionati: Carlo Alfano, Paolo Icaro, Mimmo Paladino, Ettore Sottsass; Boris Groys su In the Flow; Sarah Cosulich su Mutina for Art; Thomas Dane sull’apertura della galleria a Napoli; l’opera d’arte contemporanea, dallo scambio alla relazione

In primo Piano

Felice Levini e H.H. Lim testo di Angelo Capasso

Quell’azione a Campo dei Fiori, che segna anche il consolidamento di un’amicizia tra i due artisti, fatalmente si pone al centro di una nuova onda di trasformazioni che proseguono ancora oggi. I due, travestiti in modo carnascialesco da “il gatto” e “la volpe” (nella versione collodiana) s’infiltrano tra la folla della movida romana e si espongono come un elemento di disturbo. È un’opera che intreccia azione, narrazione, ironia, tautologia, pensiero e forma. Non un semplice recupero concettuale degli stilemi degli anni d’oro delle “seconde avanguardie”, ma un ibrido che entra nel mondo e lo guarda con uno sguardo totale, secondo una scala reale, e ricerca un nuovo filo d’oro per saltare a piè pari l’epoca precedente. Un nuovo inizio?

— Angelo Capasso

Darren Bader testo di Alessandra Troncone

Dall’inafferrabilità della sua (post)produzione, emergono le questioni più urgenti e, in parte, irrisolte di tutta l’arte contemporanea: autorialità, originalità, attribuzione del valore economico, ma anche il ruolo delle istituzioni nel processo di legittimazione dell’arte. Bader le tocca tutte, senza affrontarne nessuna direttamente. Come un giocoliere, maneggia palle infuocate tenendole in sospeso il tempo strettamente necessario affinché non brucino. Come un prestigiatore, mostra carte che poi fa sparire sotto altre, divertendo e al tempo stesso stordendo chi cerca di stargli dietro.

— Alessandra Troncone


Luca Vitone
testo di Emanuela De Cecco

Arte & AI: Harold Cohen, Sondra Perry, Ian Cheng, Lynn Hershman Leeson testi di Alex Estorick, Nora N. Khan, Sandro Weilenmann, Elvia Wilk

Marion Baruch intervista di Rita Selvaggio

Andrea Pallaoro intervista di Silvia Conta

Inside

Elisa Caldana e Diego Tonus Topography of Terror (19.12.2016) (2017)

In Bilico

Dall’orizzonte di Parise: Filippo De Pisis, Simone Berti, Valerio Nicolai testo di Eva Fabbris 

Brand New

Giulia Cenci testo di Caterina Molteni


Recensioni

15a Biennale di Istanbul; 1a Biennale di Anren; Lucio Fontana, Hangar Bicocca, Milano; Chantal Joffe, Monica De Cardenas, Milano; Lisa Ponti, Federico Vavassori, Milano; Ugo La Pietra, Dabbeni, Lugano; Anna Boghiguian, Castello di Rivoli, Torino; Stefano Arienti, Villa Croce, Genova; Edoardo Piermattei, Thomas Brambilla, Bergamo; Gordon Matta-Clark e Heidi Bucher, Alma Zevi, Venezia; Emma Hart, Collezione Maramotti, Reggio Emilia; Biennale Foto/Industria, Bologna; Urs Fischer, Piazza della Signoria, Firenze; Hayley Silverman, VEDA, Firenze; Mario Nigro, Fondazione Ragghianti, Lucca; Mircea Cantor, Fondazione Giuliani, Roma; Davide Balula, Gagosian, Roma; Franco Guerzoni, Monitor, Roma; Betty Danon, Tiziana Di Caro, Napoli; Mythologies, Palazzo Palmeri, Monopoli.

leggi di più
In Uscita /

Flash Art Italia no. 335 Ottobre – Novembre 2017

Siamo lieti di comunicare che il numero di ottobre – novembre 2017 di Flash Art è in uscita presso edicole e librerie selezionate di tutta Italia.

“Aprile 1967. Roma, Via Fontana Liri, 27. In un appartamento di periferia nasce Flash Art, frutto di idee, elucubrazioni folli e sogni impossibili, condivisi con un gruppo di artisti e critici frustrati e arrabbiati come me.” (Giancarlo Politi)

Oggi Flash Art celebra il suo cinquantesimo anniversario proponendo un attraversamento della sua storia. Questo numero speciale si compone di testi e interviste che rileggono i passaggi salienti, le tendenze miliari e gli avvenimenti marginali che hanno scritto le pagine della rivista e della recente storia dell’arte italiana.

L’arte deve restare arte

testo di Marco Scotini

Tra il 1967 e il 1968, Piero Gilardi pubblica su Flash Art un diario dei suoi viaggi tra Stati Uniti e Nord Europa. Tornando a quegli scritti, Marco Scotini svela il ruolo chiave che Gilardi avrebbe giocato nel favorire l’emersione delle tendenze postminimaliste, poveriste e concettuali degli anni Sessanta.

A circolo aperto

testo di Riccardo Cuomo

Nel 1967, sulle pagine di Flash Art, Germano Celant teorizza l’Arte povera come alternativa dialettica alla Pop art, al minimalismo e all’Arte programmata. Riccardo Cuomo guarda ai legami, ancora trascurati dalla storiografia, che la genesi dell’Arte povera intrattiene con questo terzo termine di paragone.

Ri-muovere il femminismo

Paola Mattioli intervista di Raffaella Perna

Che responsabilità ha avuto una rivista d’arte come Flash Art nelle rimozioni ai danni di artiste che dagli anni Settanta in poi si sono confrontate con le idee e le pratiche femministe? Paola Mattioli e Raffaella Perna riflettono sulle possibili motivazioni della mancata ricezione dell’arte delle donne.

Un naufragio a Ginger Island. Ovvero, il cavallo di Troia

testo di Gianni Emilio Simonetti

Nel corso degli anni Settanta Flash Art dedica un’attenzione costante a Fluxus, di cui Gianni Emilio Simonetti è protagonista e, al tempo stesso, commentatore. A distanza di circa quarant’anni dalla morte di George Maciunas, Simonetti torna a interrogarsi sul decorso di quell’esperienza.

Internazionalismo e folklore

testo di Michele Dantini

A cavallo tra gli anni Settanta e gli Ottanta, Achille Bonito Oliva pubblica su Flash Art una serie di articoli che espandono i ragionamenti contenuti nel suo libro Ideologia del traditore. Michele Dantini osserva come questi scritti contribuiranno a definire la retorica transavanguardista

La realtà promessa

Francesco Matarrese intervista di Andrea Villiani

Quali sono le conseguenze della “comunicazione” che Francesco Matarrese invia nel 1978 a Flash Art nella quale dichiara il suo “rifiuto del lavoro in arte”? Matarrese e Andrea Viliani esplorano la “condizione di non arte” e i termini della produzione artistica nell’era postfordista.

Lo sforzo nel rendersi invisibili

testo di Amedeo Martegani

Nel 1990 Flash Art pubblica un’esplorazione dalla giovane arte italiana. Ma già in questo contesto emerge una difficoltà della critica a inquadrare degli artisti che tentano piuttosto di “darsi in assenza”. Tra i protagonisti di quegli anni, Amedeo Martegani commenta un’ipotetica bibliografia di questo progetto all’insegna della “sparizione”.

The Better Biennale

Helena Kontova intervista di Hans Ulrich Obrist

“Aperto ’93”, a cura di Helena Kontova, direttrice di Flash Art, e di altri dodici tra critici e curatori attivi nella rivista, introduce nel contesto della Biennale di Venezia una mostra rizomatica, specchio della polifonia del mondo globalizzato. Kontova rilegge la rassegna in un dialogo con Hans Ulrich Obrist.

Una diversa tradizione, una tradizione della diversità

Corrado Levi intervista di Michele D’Aurizio

È possibile scrivere una storia dell’arte italiana della diversità, dell’omosessualità e della sessualità liberata? Corrado Levi ne discute con Michele D’Aurizio, ripercorrendo le tappe principali del suo “viaggio” tra non-ruoli, esperienza del corpo e “altre” tradizioni.

Cattelan Cover Story

testo di Marco Senaldi

Nel 1994 appare la prima copertina di Maurizio Cattelan su Flash Art. A quella ne seguono altre undici, facendo di Cattelan l’artista più presente sulle copertine dalla rivista. Marco Senaldi analizza la “strategica” proliferazione sotto forma di immagini delle opere cattelaniane.

These are all protest songs… oder nicht?

testo di Luca Cerizza

La questione della presunta mancanza di una coscienza politica dell’arte italiana alimenta il dibattito sulle pagine di Flash Art alla fine degli anni Duemila. Ritornando sulle premesse del suo libro L’uccello e la piuma, Luca Cerizza invita ad abbracciare altre forme di racconto del rapporto tra l’artista e la società.

La responsabilità di un impero

Alessandra Ferrini intervista di Simone Frangi

Esistono nell’arte contemporanea le fondamenta per la formulazione di un discorso postcoloniale in Italia? Alessandra Ferrini e Simone Frangi passano in rassegna i contributi in ambito artistico che, in anni recenti, hanno promosso un’indagine critica sul progetto coloniale italiano.

In memoria

Claudo Abate
di Paola Ugolini

Chiara Fumai
di Milovan Farronato

Siamo lieti di annunciare la presenza di Flash Art alle edizioni 2017 di ArtVerona; FIAC, Parigi; e Artissima, Torino.

leggi di più
In Uscita /

Flash Art Italia no. 334 Luglio – agosto – settembre 2017

Siamo lieti di comunicare che il numero di Luglio – agosto – settembre 2017 di Flash Art è in uscita presso edicole e librerie selezionate di tutta Italia.
News
Nancy Olnick e Giorgio Spanu su Magazzino Italian Art, Cold Spring, New York; OGR, Torino; Rashid Uri su Soyuz, Pescara; Roberto Lacarbonara sul CRAC, Taranto; letture d’arte.

Intorno

I superdirettori a cura di Alex Estorick in collaborazione con Vincenzo Di Rosa

In Primo Piano

Grazia Toderi in dialogo con Orhan Pamuk

Davide Stucchi testo di Michele D’Aurizio

David Medalla testo di Adam Nankervis

L’età non ha spento la passione di Medalla; la sua mente vigile, fertile e intuitiva solca una traiettoria che, dalla cosmologia, attraversa il tempo e lo spazio – un complesso di idee rintracciabili in uno dei suoi lavori seminali, A Stitch in Time(1967).
— Adam Nankervis


Lisetta Carmi testo di Cristiana Perrella

Non c’è uno “stile”, una ricerca formale specifica, che renda il lavoro di Carmi riconoscibile, ma una sensibilità sobria che adegua a ogni soggetto l’inquadratura, l’esposizione, la profondità di campo. Il rispetto per gli esseri umani, il desiderio di denuncia e testimonianza, sono le sue preoccupazioni principali.

— Cristiana Perrella

Salvatore Arancio testo di Marinella Paderni

Edi Rama intervista di Sergio Risaliti

In Bilico
Geometrie (senti)mentali: Toti Scialoja, Marco Tirelli, Erik Saglia testo di Eloisa Morra

Brand New
STILL intervista di Ruben Spini

Recensioni
Viva Arte Viva, 57a Biennale di Venezia; Partecipazioni nazionali, 57a Biennale di Venezia; Fuori Biennale, 57a Biennale di Venezia; Damien Hirst, Palazzo Grassi e Punta della Dogana, Venezia; TV 70, Fondazione Prada, Milano; La sfinge nera, Primo Marella, Milano; La terra inquieta, La Triennale, Milano; Maurizio Nannucci, Fumagalli, Milano; Michelangelo Pistoletto, Christian Stein, Milano; Boetti / Salvo, MASI, Lugano; Riccardo De Marchi, E3, Brescia; Sam Falls, Franco Noero, Torino; Diego Perrone, Villa del Principe, Genova; Waiting for the Sun, SpazioA, Pistoia; Elisabetta Benassi, Collezione Maramotti, Reggio Emilia; Rachel Whiteread, Lorcan O’Neill, Roma; Giuseppe Gabellone, Fondazione Memmo, Roma; Charles Ray, American Academy, Roma; Wade Guyton, MADRE, Napoli; Haim Steinbach, Lia Rumma, Napoli; And if I left off dreaming about you?, Foothold, Polignano a Mare; Jakub Julian Ziolkowski, MAN, Nuoro.

leggi di più