News /

Milano — Delirious New York

Il secondo lavoro della stagione 2015 di APACHE, di scena al Litta dal 12 al 15 febbraio, è un omaggio a uno dei più influenti testi d’architettura contemporanea, scritto da Rem Koolhaas e messo in scena da OHT, compagnia che da sempre si muove al confine dei linguaggi tra arti performative, installazione e design.
Una scenografia composta da scatole che cartone che rievocano la griglia urbanistica della Grande Mela e, al suo interno, personaggi che si muovono a tratti freneticamente, a tratti raccontano, riflettendo ridendo di quelle che sono e che possono essere le storie di una grande città. Koolhaas sostiene infatti che la griglia architettonica della città non deve essere analizzata studiando i palazzi che la compongono, ma indagando la psicologia di chi li ha costruiti. Alla base di tutto, l’incomunicabilità, ma anche l’ironia: lo spettacolo mette in scena infatti un’umanità buffa, in cerca di identità, che prova e riprova per il gusto di giocare, scardinando le regole prefissate dalla società. La mitologia di New York, della metropoli per eccellenza diviene così esperienza da vivere e – come suggerisce il titolo – delirio.

officeforahumantheatre.org

DELIRIOUS NEW YORK

idea e regia Filippo Andreatta – drammaturgia Filippo Andreatta, Ilaria Mancia – di e con Filippo Andreatta, Fiora Blasi, Patric Schott, Sara Rosa Losilla – light designer Arnaud Poumarat – in coproduzione con Inteatro – residenze artistiche Centrale Fies, REACT! Festival Santarcangelo dei Teatri – si ringrazia Milo Adami, Michel Carlana, Luka Skansi